Sa Die de Sa Sardigna :: Festa del Popolo Sardo doveroso momento di riflessione su una giornata storica ispirata dai vespri sardi del lontano 28 aprile 1794. - Le Vie della Sardegna :: Partendo da Sassari Turismo, Notizie Storiche e Attuali sulla Sardegna, Sagre Paesane e Manifestazioni Religiose, Cultura e Cucina Tipica Sarda, Monumenti da visitare, Spiagge e Montagne dell'Isola. Turismo in Sardegna, itinerari enogastrononici e culturali, suggerimenti su B&B, Agriturismi, Hotel, Residence, Produttori Prodotti Tipici, presenti nel territorio. Informazioni e itinerari su dove andare, cosa vedere, dove mangiare, dove dormire sul Portale Sardo delle Vacanze e dell'Informazione. Sardegna Turismo dove andare e come arrivare, tutte le notizie che vuoi conoscere sull'Isola più bella del Mediterraneo. Scopri sul Portale Le Vie della sardegna le più belle località turistiche dell'Isola e la loro storia, i personaggi illustri e di cultura nati in terra Sarda.

Vai ai contenuti

Menu principale:

Sa Die de Sa Sardigna :: Festa del Popolo Sardo doveroso momento di riflessione su una giornata storica ispirata dai vespri sardi del lontano 28 aprile 1794.

Cultura Sarda > Sagre, Manifestazioni Sacre e Popolari
Sa Die de Sa Sardigna informazioni storiche e culturali.

Sa Die de Sa Sardigna è un doveroso momento di riflessione su una giornata storica ispirata dai vespri sardi del lontano 28 aprile 1794. Una giornata che ricordiamo anche per l’orgoglio dei sardi, un momento che tutti noi dobbiamo conoscere perché siamo un popolo, ed esserlo è importante per conoscerci e per capire chi siamo e dove stiamo andando. Quanto più grande è la conoscenza tanto più intensamente potranno affermarsi quei principi cardine della democrazia e della libertà, alla base di una società moderna, evoluta e progredita. Sa Die non vuole essere una giornata di vacanza dallo studio, ma un modo diverso di apprendere avvenimenti ed episodi importanti che hanno aiutato a costruire la nostra storia: fatti di cultura e di alto valore etico, che meritano di essere conosciuti, studiati e approfonditi per la loro valenza di apporto alla condizione di popolo sardo.

Assessore della Pubblica Istruzione e Beni Culturali Maria Lucia Baire


Sa die de sa Sardigna
Sa die de sa Sardigna est sa festa chi ammentat sos chi ddi narant "Vespri Sardi", sa revolta populare de su 28 de abrile 1794 cajone de sa catzada dae Casteddu de sas autoridades piemontesas a pustis de su refudu de su guvernu de acuntentare sas rechestas chi protzediant dae s'ìsula.

Sos Sardos pediant de achistire pro issos una parte de sos impiegos tziviles e militares e un'autonomia prus forte cunforma a sos bisòngios de sa classe dirigente locale. Su guvernu piemontesu aiat denegadu cale chi siat rechesta, e duncas sa burghesia casteddaja, cun s'agiudu de su restu de sa populatzione, aiat inghitzadu una revolta.

Su movimentu de rebellia fiat cumentzadu giai in sos annos otanta de su Setighentos e aiat sighidu in sos annos noranta pertochende totu s'ìsula, Sas resones fiant che a pare polìticas e econòmicas.

Su discuntentu bi fiat fintzas ca sa Sardigna l'aiant posta in mesu de sa gherra de sa Frantza revolutzionària contra a sos istados europeos e duncas contra a su Piemonte. In su 1793 una flota frantzesa aiat chircadu de si nche fàghere a mere de s'ìsula, lompende a Carloforte e a pustis indurriende a Casteddu. Sos Sardos però aiant poderadu in ogni manera, in defensa de sa terra issoro e de sos Piemontesos chi cumandaiant tando in Sardigna. Custa resistèntzia de sos sardos contra a sos frantzesos aiat abbiadu sos ànimos, e duncas s'isetaiat unu reconnoschimentu e un'ingraèngiu dae su guvernu sabàudu pro sa fidelidade mustrada a sa Corona.

S'ischintidda chi aiat allumadu s'abolotu fiat istada s'arrestu, ordinadu dae su Visurè, de duos capos de su partidu patriòticu, sos abogados casteddajos Vissente Cabras e Efes Pintor. Est su 28 de abrile de su 1794: sa populatzione arrennegada aiat detzisu de nche istesiare dae sa tzitade su visurè Balbiano e totu sos Piemontesos, chi in su mese de màju de cussu annu fiant istados postos cun sa fortza subra sos nàvios e torrados a coa cara a sa terra issoro.
Giuseppe Sciuti Ingresso trionfale di Giommaria Angioy a Sassari 1879

Il 14 settembre 1993 il Consiglio Regionale della Sardegna ha istituito "Sa die de sa Sardigna", che rappresenta la festa del popolo sardo. Le manifestazioni legate a questo evento si svolgono in tutta l'isola il 28 aprile di ogni anno per ricordare i cosiddetti "Vespri sardi", cioè l'insurrezione popolare del 28 aprile 1794, quando vennero allontanati da Cagliari i Piemontesi e il viceré Balbiano, in seguito al rifiuto del governo torinese di soddisfare le richieste dell'isola titolare del Regno di Sardegna.
I Sardi chiedevano che venisse loro riservata una parte degli impieghi civili e militari e una maggiore autonomia rispetto alle decisioni della classe dirigente locale. Il governo piemontese rifiutò di accogliere qualsiasi richiesta, perciò la borghesia cittadina con l'aiuto del resto della popolazione scatenò il moto insurrezionale.

Il movimento di ribellione era iniziato già negli anni Ottanta del Settecento ed era proseguito negli anni Novanta toccando tutta l'isola. Le ragioni erano di ordine politico ed economico insieme. Il motivo del malcontento popolare era dovuto anche al fatto che la Sardegna era stata coinvolta nella guerra della Francia rivoluzionaria contro gli stati europei e dunque contro il Piemonte. Nel 1793 una flotta francese aveva tentato di impadronirsi dell'isola, sbarcando a Carloforte e, successivamente, anche a Cagliari. I Sardi però opposero resistenza con ogni mezzo, in difesa della loro terra e dei Piemontesi che dominavano allora in Sardegna. Questa resistenza ai Francesi aveva entusiasmato gli animi, perciò ci si aspettava un riconoscimento ed una ricompensa dal governo sabaudo per la fedeltà dimostrata alla Corona.

La scintilla che fece esplodere la contestazione fu l'arresto ordinato dal viceré di due capi del partito patriottico, gli avvocati cagliaritani Vincenzo Cabras ed Efisio Pintor. Il 28 aprile 1794 la popolazione inferocita decise di allontanare dalla città il viceré Balbiano e tutti i Piemontesi, che nel mese di maggio di quell'anno furono imbarcati con la forza su delle navi e rispediti nella loro regione. Esortati dalle vicende cagliaritane, le città di Alghero e Sassari fecero lo stesso.

 

Web Master: Adriano Agri - Sassari Servizi Internet
Copyright: © Le Vie della Sardegna Tutti i diritti Riservati

leviedellasardegna.eu
Leggi le nostre Policies su Privacy e Coockies
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu