Nuoro - Le Vie della Sardegna :: Partendo da Sassari Turismo, Notizie Storiche e Attuali sulla Sardegna, Sagre Paesane e Manifestazioni Religiose, Cultura e Cucina Tipica Sarda, Monumenti da visitare, Spiagge e Montagne dell'Isola. Turismo in Sardegna, itinerari enogastrononici e culturali, suggerimenti su B&B, Agriturismi, Hotel, Residence, Produttori Prodotti Tipici, presenti nel territorio. Informazioni e itinerari su dove andare, cosa vedere, dove mangiare, dove dormire sul Portale Sardo delle Vacanze e dell'Informazione. Sardegna Turismo dove andare e come arrivare, tutte le notizie che vuoi conoscere sull'Isola più bella del Mediterraneo. Scopri sul Portale Le Vie della sardegna le più belle località turistiche dell'Isola e la loro storia, i personaggi illustri e di cultura nati in terra Sarda.

Vai ai contenuti

Menu principale:

Nuoro

Località > Nuoro
La piazza Sebastiano Satta a Nuoro, progettata e realizzata da Costantino Nivola. Nuoro informazioni turistiche e storiche su il capoluogo di Provincia Nuoro
Nuoro
Comune capoluogo di provincia, Nuoro si trova al centro della Sardegna ed è situato su un altopiano granitico attraversato dal torrente Isalle e limitato a nord dal rio Marreri e a sud dal fiume Cedrino. Il suo territorio è considerato uno dei polmoni verdi del mediterraneo. Città nota per aver dato i natali a numerosi artisti e pensatori fra i quali Grazia Deledda e Sebastiano Satta. Capitale della Barbagia, Nuoro sorge su un altopiano dominato dal Monte Ortobene e circondato da vallate e catene montuose. La sua origine risale al periodo romano, quando le popolazioni sparse intorno ai nuraghi si rifugiarono in luoghi meno accessibili, incoraggiando quel mito di inviolabilità e isolamento dell'area barbaricina. A pochi chilometri dall'abitato di Nuoro svetta il Monte Ortobene, un imponente rilievo di granitico alto 955 metri la cui cima è presidiata dalla statua del Redentore, innalzata nel 1901 da Vincenzo Jerace. A pochi chilometri da Nuoro, la sua unica frazione si adagia sul declivio di una verde collina: Lollove. Il borgo, con le sue antiche abitazioni in pietra grigia, spesso in rovina, esercita sul visitatore un fascino particolarmente romantico.

Abitanti: 36.877
Superficie: kmq 192,19
Municipio: via Dante, 44 - tel. 0784 216700
Cap: 08100
Guardia medica: via Mannironi - tel. 0784 240848
Polizia municipale: via Vittorio Veneto, 48 - tel. 0784 216900
Biblioteca: piazza Asproni - tel. 0784 244500
Ufficio postale: via Santa Barbara, 24 - tel. 0784 232807
La cattedrale di Santa Maria della Neve a Nuoro come arrivare.
Infomazioni Turistiche e Curiosità su Nuoro
Città capoluogo della provincia che occupa la parte centrale della Sardegna, dalla costa orientale a quella occidentale, con una superficie di 7.044 Kmq e una popolazione di 280.000 abitanti. Il territorio, prevalentemente collinare e montuoso, è quello che ha meglio conservato l'ambiente naturale, ricco di boschi, macchia mediterranea, paesaggi aspri e selvaggi e coste poco affollate. Il clima è temperato, con temperature medie annue intorno ai 13°-14° , moderatamente freddo d'inverno e caldo nel cuore dell'estate, anche se non mancano giornate miti in entrambe le stagioni. Un elemento da sottolineare è l'instabilità del clima, che è poi una peculiarità di tutta l'isola, soggetto a cambiamenti per l'improvvisa irruzione di aria fredda e conseguente calo della temperatura. Più della metà del territorio del Comune di Nuoro è occupato da pascoli, circa un quarto da bosco, il resto da seminativo e colture legnose. Dai pascoli arborati di Sa Serra, dove nelle zone sfuggite agli incendi degli ultimi anni, sono presenti querce da sughero e lecci, si passa ai fochi di Jaccu Piu, di ValVerde e dell'Ortobene, ai coltivi di olivi, mandorli e viti della parte alta di Marreri, di Badde Manna e Su Grumene, ai pascoli di Corte, un tempo destinata ai seminativi. Capitale della Barbagia, Nuoro sorge su un altopiano dominato dal Monte Ortobene e circondato da vallate e catene montuose. La sua origine risale al periodo romano, quando le popolazioni sparse intorno ai nuraghi si rifugiarono in luoghi meno accessibili, incoraggiando quel mito di inviolabilità e isolamento dell'area barbaricina. Grazie alla sua centralità geografica, Nuoro acquistò gradualmente la preminenza territoriale sui paesi del circondario fino a diventare capoluogo di provincia nel 1926. Centro della città è la piazza sistemata da Costantino Nivola e dedicata al poeta nuorese Sebastiano Satta, che animò la cultura cittadina insieme al politico Attilio Deffenu e alla scrittrice Grazia Deledda, nella cui casa natale è allestito il Museo Deleddiano, che conserva ancora intatte oltre le strutture, anche documenti ed oggetti appartenuti alla scrittrice premio Nobel. Tappa d'obbligo è poi il Museo Etnografico, le cui sale espositive ospitano capi di abbigliamento tradizionale, le maschere carnevalesche della Barbagia, gioielleria, tappeti, arazzi, pane e dolci. Per chi ama l'arte è invece consigliato il MAN, Museo d'Arte provincia Nuoro, con la sua collezione permanente dei migliori artisti sardi del XIX e XX secolo e importanti mostre temporanee. A oriente della città sorge poi il Monte Ortobene, vero e proprio monumento naturale, su cui s'innalza la statua del Cristo Redentore. Nell'ultima settimana di agosto si svolge anche la Sagra del Redentore, con la sfilata dei costumi tradizionali isolani e il corteo dei fedeli, che dalla città raggiungono in processione la vetta del colle dove viene celebrata la messa ai piedi della statua.



Monte Ortobene E' un imponente rilievo granitico alto 955 metri sulla cui cima si trova la statua di bronzo del Redentore, innalzata nel 1901 da Vincenzo Jerace. Meta ideale per ammirare i colori vividi della macchia mediterranea, il Monte Ortobene è facilmente raggiungibile partendo dalla Chiesa della Solitudine, situata a destra del viale Ciusa, che da Nuoro sale verso nord est.
La Chiesa della Solitudine venne costruita negli anni '50 del XX secolo su disegno di Giovanni Ciusa Romagna sul sito di un preesistente santuario seicentesco. Il portale di bronzo è opera dell'artista sassarese Eugenio Tavolara, autore anche delle formelle raffiguranti la Via Crucis. Nella chiesetta è sepolta la scrittrice nuorese Grazia Deledda premio Nobel per la letteratura. Il Monte Ortobene comprende numerosi parchi tra cui quello di Sedda Ortai che si trova ad un'altitudine di 740 m sul livello del mare ed è ricoperto di pini e di lecci. Il parco è attraversato da una pista ciclabile e dotato di pista per il pattinaggio. Di grande interesse naturalistico anche i parchi di Farcana e di Solotti, quest'ultimo ubicato a poca distanza dalla Casa Diocesana comunemente conosciuta come "Casa del Vescovo", teatro di incontri e ritiri spirituali. Ogni anno, alla fine di agosto, sul monte Ortobene si svolge la festa del Redentore, con manifestazioni folcloristiche ed esibizioni di gruppi che ballano in costume tradizionale.

L'Atene sarda così veniva considerato Nuoro, centro della città è la piazza sistemata da Costantino Nivola e dedicata al poeta nuorese Sebastiano Satta, che animò la cultura cittadina insieme al politico Attilio Deffenu e alla scrittrice Grazia Deledda, nella cui casa natale è allestito il Museo Deleddiano, che conserva ancora intatte oltre le strutture, anche documenti ed oggetti appartenuti alla scrittrice premio Nobel.
Musei di Nuoro

Museo d'Arte della provincia di Nuoro, Man di Nuoro
Il Museo espone oltre 200 opere di prestigiosi maestri sardi del XX secolo, tra i quali Antonio Ballero, Giuseppe Biasi, Francesco Ciusa, Giovanni Ciusa Romagna, Mario Delitala, Carmelo Floris, Costantino Nivola. Dispone inoltre dell'unica raccolta di disegni e ceramiche di Salvatore Fancello e del corpus grafico dell'opera di Giovanni Pintori.
Il Man organizza ogni anno almeno quattro mostre temporanee storiche e tematiche sui maggiori rappresentanti della storia dell'arte del Novecento. Queste le esposizioni più importanti:
1999: Edoardo Chillida, "Dal sublime"; Vincenzo Satta, "L'impalpabile luce della pittura"; Matteo Basilè, "Daniele Galliano"; Bruno Munari, "Il metodo dell'invenzione"; Giorgio De Chirico.
2000: 100 Capolavori dalla Raccolta Fotografica della Galleria Civica di Modena, Galleria Civica di Modena; L'arte Pop in Italia; De Pisis; Cingolati- Kirchhoff; Sandy Skoglund; Il disegno Italiano nella Raccolta della Galleria Civica di Modena, Galleria Civica di Modena; Lucio Fontana: Viacrucis; Luigi Veronesi.
2001: Intorno alla fotografia. 37 cornici per 37 fotografi; Magic&Loss. Video Italiano Contemporaneo; I Fiori di Giorgio Moranti; Arte Programmata e Cinetica in Italia 1958-68; Pay attention Please; Miró Orizzonte Lirico, Pittura, scultura e disegni.
2002: Le forme del sedere 100 anni-100 sedie; Vis à vis. Autoritrarsi d'artista; Maria Lai; Manovre 02, Casa dolce casa; Quattro secoli di pittura Andalusa.
2003: Picasso, "Suite Vollard2; Erwin Olaf_Booby Trap; Giovanni Pintori; Catastrofi Minime.
2004: Aligi Sassu; Mulas, dentro la fotografia e rassegna video; Italia quotidiana.
2005: DNA, dal Novecento ad oggi, la collezione del MAN, '50-60.
Informazioni
Indirizzo: via Sebastiano Satta, 15 - 08100 Nuoro
sito web: www.museoman.it


Museo Archeologico Nazionale
È situato nel palazzo appartenuto a Giorgio Asproni, illustre intellettuale e uomo politico ottocentesco. L'esposizione, attualmente limitata al piano terra, è articolata in sei sale, offre uno spaccato del ricchissimo patrimonio archeologico della provincia di Nuoro e della storia dell'uomo dal Neolitico all'alto Medioevo. Alcune sezioni vengono rinnovate ogni semestre.
Informazioni
Indirizzo: Via Mannu, 1 - 08100 Nuoro
sito web: www.museoarcheologiconuoro.it


Museo Ciusa
Il Museo è dedicato a Francesco Ciusa (1883-1949), grande artista ritenuto l’iniziatore della scultura moderna nell’Isola. Nato a Nuoro, Ciusa ottiene giovanissimo, nel 1907, il prestigioso riconoscimento della critica alla Biennale di Venezia col gesso “La madre dell’ucciso”. Trasferitosi a Cagliari, lavora alle sculture, in gran parte ispirate al mondo pastorale e alla cultura nuorese, l’universo da cui l’artista trae la sua prima e autentica forza creativa. Nel 1919, sposta il suo interesse sulla ceramica e sulle sculture in “stucco a marmo”. Con l’avanzare dell’età e dopo il bombardamento del suo laboratorio (1943), Ciusa interrompe il lavoro. L’ultima, famosa opera è “Il fromboliere” (Orgosolo 1939-1940).
Informazioni
Indirizzo: Piazza S. Maria della Neve 8
sito web: www.tribunuoro.it


Museo Deleddiano-Casa natale di Grazia Deledda
La casa natale della scrittrice Grazia Deledda, premio Nobel per la Letteratura nel 1926, risale alla seconda metà dell'Ottocento; situata a San Pietro, il rione dei pastori che con Seuna costituisce il più antico agglomerato della città, è un esempio d'abitazione nuorese del ceto benestante. L'edificio si sviluppa su tre piani, con corti interne al pianterreno. La Deledda vi abita fino al giorno delle nozze, avvenute nel 1900.
Informazioni
Indirizzo: Via Grazia Deledda, 42 - 08100 Nuoro
sito web: www.isresardegna.org


Museo della Vita e delle Tradizioni Popolari Sarde
Nel Museo sono rappresentati tutti gli aspetti della cultura materiale della Sardegna tradizionale (abiti, gioielli, manufatti tessili e lignei, armi, maschere, pani, strumenti della musica popolare, utensili e strumenti domestici e di lavoro, ecc.). Particolare attenzione è anche rivolta alla rappresentazione dei beni immateriali (religiosità popolare, feste superstizione, carnevali tradizionali, musica, canto e danza, ecc.).
Le collezioni comprendono circa 8000 reperti, risalenti in gran parte al periodo compreso tra la fine dell'Ottocento e il primo cinquantennio del Novecento. Sono esposti circa 80 abiti maschili e femminili e diversi capi d'abbigliamento infantile, tutti autentici e realmente utilizzati prima dell'acquisizione museale. Sono rappresentativi delle tipologie delle diverse subregioni storico-geografiche dell'isola e vengono esposti a rotazione sia a fini conservativi sia per rendere possibile la fruizione della gran parte della collezione.
Informazioni
sito web: www.isresardegna.org

 

Web Master: Adriano Agri - Sassari Servizi Internet
Copyright: © Le Vie della Sardegna Tutti i diritti Riservati

leviedellasardegna.eu
Leggi le nostre Policies su Privacy e Coockies
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu